Associazione Terradiluce

Benessere e consapevolezza nel qui e ora

Trasformare il mondo …da dentro

Nel nostro percorso qfarokryuotidiano, spesso vorremo trasformare o cambiare alcuni aspetti dolorosi della realtà che sperimentiamo e percepiamo con i nostri sensi.

È naturale e comprensibile perché si fatica… Dal traffico caotico ai conti per arrivare a fine mese, dalle relazioni famigliari a quelle lavorative o affettive, dagli acciacchi di stagione agli eventi improvvisi e dolorosi, la realtà quotidiana ci “bersaglia” costantemente con elementi di preoccupazione, sorpresa e disagio e di conseguenza pensieri , emozioni e sentimenti   che “impressionano” i nostri sensi come i flash di mille macchine fotografiche che ci circondano da ogni parte.

La reazione più comune di fronte a queste impressioni è identificarsi nelle situazioni che le hanno provocate (e nei pensieri, emozioni e sentimenti che le accompagnano) e “subirle” lamentandoci o amareggiandoci.

Vorremmo cambiare questa realtà, ma non sappiamo come fare e cosa fare, e questo ci frustra ancora di più…

La tradizione spirituale, le scoperte della fisica quantistica moderna e alcune recenti teorie scientifiche, concordano nel proporci un radicale cambiamento del punto di vista per affrontare questa situazione: trasformare la realtà partendo da dentro di noi.

Tutte le tradizioni spirituali concordano nel definire “risvegliato” l’uomo che diventa consapevole del proprio potere personale che si esprime nell’essere presenti, nel vivere il “qui e ora” e ciò che accade senza interpretarlo, valutarlo e analizzarlo e soprattutto senza far si che la mente e il sofisticato sistema neurovegetativo, ormonale e psico emotivo, distorca la nostra percezione e ci trascini in uno stato di stress e di emergenza.

L’uomo risvegliato è presente. È consapevole di ciò che accade mantenendo la capacità di osservarlo dal di fuori, è cosciente del pericolo dell’identificazione.

La prima nobile verità del buddismo è la consapevolezza della sofferenza come via per liberarsene, il vangelo ci ricorda che raccogliamo ciò che seminiamo e che ci sarà dato ciò che già abbiamo…Queste metafore spirituali ci invitano a riflettere sul grande potere racchiuso nell’energia che produciamo, sotto forma di emozioni, sentimenti, pensieri, aspettative e convinzioni.

La fisica moderna ci ha insegnato che l’osservazione della realtà e anche la semplice partecipazione ad essa la condiziona e la trasforma. Molti scienziati sono arrivati a sostenere – in perfetta risonanza con le tradizioni spirituali – che l’energia prodotta dagli esseri umani entra nel “campo energetico collettivo” e lo condiziona.

Secondo la teoria di un biologo di fama internazionale, Rupert Sheldrake, il nostro dna opera dentro di noi perché collegato a livello subatomico con un “campo morfico” relativo alla specie umana che è in costante aggiornamento a seconda delle esperienze e dei contributi che ogni essere umano apporta ad esso…

Abbiamo tutti un enorme responsabilità in questo senso!

Il mio umore, le mie aspettative, il mio livello di soddisfazione, il mio stato di stress o di pace e centratura sono sottili energie che condivido con il mondo e che in qualche misura lo trasformano. Questo vale per me, per te, per tutti.

Come fare?

La prima cosa da fare è imparare a non identificarsi nelle cose, consapevoli che le energie prodotte a seguito della nostra identificazione le condizionano e le “peggiorano”.

Un conto è dire ad esempio: “Sono angosciato perché sono senza soldi” e un altro conto è dire “Mentre inspiro sono consapevole del pensiero di angoscia che passa attraverso di me , mentre espiro lo lascio andare e creo pace, serenità e abbondanza”

È la presenza, è una questione di allenamento , è la consapevolezza che depotenzia i problemi a crea i presupposti per risolverli.

Il secondo punto è passare dal fare all’essere.

La legge di gravità fa cadere i corpi verso il basso. La linfa delle piante sale verso l’alto vincendo la legge di gravità. La prima legge non viene annullata, è la seconda legge che è più forte. Allo stesso modo l’energia creativa e potente che nasce dentro di noi è in grado di modificare, trasformare e “vincere” altre leggi che “sembrano” governare il mondo che ci circonda. Mai nel vangelo Gesù attribuisce a se stesso un miracolo.

“È la tua fede che ti ha guarito” dice alla donna che si fa largo per toccargli il mantello.

L’idea di un dio super-eroe che ci toglie le castagne dal fuoco se ci comportiamo bene è un idea sciocca, infantile e semplicistica. È l’energia potente dell’essere che nasce da dentro che compie i miracoli.

Per attivare questa energia occorre scegliere di orientarsi sull’essere.

Fermare il movimento esterno e le sue  impressioni e attraverso la respirazione, la meditazione, la preghiera (intesa come espressione passionale della propria volontà) e la visualizzazione costruire uno stato di coerenza energetica che da dentro si irradia verso l’esterno.

Questo processo potente legato all’essere cambia totalmente la qualità del fare, perché si attiva l’intuizione, il cervello emotivo è ben ossigenato, gli ormoni si ordinano e si è molto più lucidi nelle scelte.

In questo modo il fare diventa conseguenza dell’essere come è implicito nell’ordine naturale delle cose. (Un melo fa le mele perché è un melo)

Che ci piaccia o no, le nostre energie condizionano il mondo.

Se sono energie passive, condizionate dalle impressioni che subiamo lo condizionano in modo disordinato.

Se sono energie attive e concentrate, che partono realmente da dentro, lo condizionano in modo equilibrato e lo guariscono.

Se sono attive e concentrate da un gruppo di persone consapevoli diventano ancora più potenti ed efficaci.

È per questo che vogliamo creare un gruppo di produzione di energia concentrata e coerente che si ritrovi periodicamente anche solo mezz’ora…per cominciare a trasformare veramente la realtà da dentro.

Chi fosse interessato scriva a info@oep3.com

 

 

 

 

Annunci
Lascia un commento »