Associazione Terradiluce

Benessere e consapevolezza nel qui e ora

I modelli di dispersione energetica: Il “controllante”

Il controllante spreca molta energia, prevalentemente a livello mentale ed emozionale perché vorrebbe poter tenere sempre tutto sotto controllo per evitare ogni sorpresa e non si rende conto che è un impresa assolutamente impossibile. Da questa frustrazione inevitabile deriva uno stato di saturazione emotiva molto doloroso e faticoso.

Se uno si accorge di essere un controllante è innanzitutto opportuno che mandi amore a se stesso ed eviti di giudicarsi. Per sviluppare e nutrire questa tendenza, infatti, oltre a un po’ di predisposizione concorrono molti fattori derivanti dall’imprinting famigliare: convinzioni limitanti, tendenza al pessimismo e alla preoccupazione, passionalità eccessiva, rigidità e perfezionismo, scarsa autostima, abitudine al giudizio e all’interpretazione, eccessi di materialismo…tutti fattori che contribuiscono a sperimentare pochissime esperienze di fiducia. Frequentemente un controllante è figlio di almeno un genitore controllante da cui ha assorbito più o meno consciamente i modelli..

Dietro il controllo c’è la paura: la tendenza a uscire dal qui e ora proiettandosi in un futuro ansioso con frasi tipo “….e se poi…?”.

Se si nutre il controllo, come tutte le cose cresce, e può arrivare ad assumere dimensioni patologiche e grottesche.

Mentre l’attenzione è una meravigliosa manifestazione di presenza nel qui e ora e di fiducia sullo sfondo, il controllo è sempre espressione di separazione, di paura e ansia.

Il controllo è arrogante perché non tiene conto della connessione che abbiamo con tutto e specialmente con il mondo sottile. Nel controllo c’è separazione dal tutto e l’illusione di poter arrivare da soli a fare tutto.

L’attenzione è un gioco di squadra dove ognuno fa la sua parte: noi, nel restare qui e ora con gli occhi bene aperti, i piedi ben ancorati a terra e il cuore in pace… e l’universo, la magia della vita, gli Angeli, nel farci incastrare in sincronicità provvidenziali o nell’aprire le porte della nostra intuizione.

Nel controllo invece c’è la presunzione di far da soli, incapacità a chiedere (a se stessi, alla vita o alla propria rete di relazioni) e di conseguenza grande chiusura energetica….

Se un controllante vuole stare meglio e diminuire l’enorme livello di stress (coi suoi veleni) deve andare a caccia di esperienze di fiducia, ricordarsi e accorgersi della bellezza del vivere sensazioni di fiducia, come un bambino che tiene la mano di un adulto forte e saggio e si lascia guidare.

Se scopri di essere un controllante ricordati che non è colpa tua e non è colpa di nessuno.

Smetti di giudicarti per questo e prova a coltivare e nutrire il seme della fiducia e del gioco di squadra con l’universo…

Se ti accorgi che i tuoi genitori han contribuito a farti diventare un controllante, non giudicarli e manda a loro amore, tuttavia concediti di aprirti a nuovi schemi di pensiero, a nuove convinzioni e soprattutto sperimenta sempre come ti fa sta stare un pensiero o un emozione, prima di nutrirlo nuovamente la volta successiva…

Per iniziare a smettere di essere un controllante….molla un poco la presa, rilassa le spalle, fai qualche bel respiro profondo. Guardati intorno e dentro di te e osserva cosa puoi lasciare andare ricordandoti che non puoi fare spazio al nuovo se conservi tutto.

Incomincia dalle piccole cose a fidarti e a giocare in squadra.

Non importa se non credi agli Angeli o alla magia della vita, è sufficiente che ti affidi alla saggezza del tuo inconscio, o alle risorse sconosciute della tua psiche.

Fai la tua parte, come meglio riesci e affidati.

Presto comincerai a sperimentare piccole sensazioni di fiducia e lentamente la pianticella della fiducia crescerà.

Annunci
Lascia un commento »